Home FOCUS ON Nell’aspirato gastrico del neonato è possibile riscontare agenti patogeni parodontali. Qual’ è...

Nell’aspirato gastrico del neonato è possibile riscontare agenti patogeni parodontali. Qual’ è la loro origine?

172
0
CONDIVIDI

Nell’aspirato gastrico del neonato è possibile riscontare agenti patogeni parodontali.

Qual’ è la loro origine?

feto

L’infezione parodontale materna è stata riconosciuta come un fattore di rischio per parto pre-termine e basso peso alla nascita dei neonati. Si sospetta che gli agenti patogeni che causano la malattia parodontale possano traslocare nella cavità amniotica contibuendo all’innesco di un esito sfavorevole della gravidanza.

Questi risultati negativi indicano quelle possono essere fattori di complicanze durante la gravidanza o subito dopo la nascita del neonato. Le complicanze possono variare dall’interruzione della gravidanza ,compromettere il benessere del feto / neonato o della madre , in particolare nascita pretermine e sottopeso del neonato alla nascita.

Recenti studi osservazionali (Offenbacher et al , 1996; . Jeffcoat et al , 2011.) l’associazione tra malattia parodontale e complicanzedella gravidanza e’ stata dimostrata, altri studi non hanno trovato la stesse associazioni (Davenport et al, 2002; . . Michalowicz et al, 2006), l’ipotesi rimane controversa per alcuni autori , in quanto non sono in grado certo di determinare l’origine dei patogeni.

La prova più forte a sostegno della associazione è fornito da risultati clinici, in cui i possibili batteri orali sono state rilevate nel ambiente amniotico di donne che hanno presentato con un esito sfavorevole della gravidanza, suggerendo la possibilità di una traslocazione orale-uterina (Han et al., 2006).

Uno studio specifico ha cercato di di determinare i livelli e le proporzioni di batteri parodontali nell’aspirato gastrico neonatale in gravidanze complicate.

Valutando i campioni orali e vaginali materni utilizzando un approccio reazione a catena della polimerasi quantitativa PCR, e anche per determinare l’origine del batterio del neonato.

Actinomycetemcomitans Aggregatibacter e forsythia Tannerella non sono stati osservati nei neonati o nella vagina delle donne.

Porphyromonas gingivalis è stato identificato nei neonati sia in unità singola che in associazione con Fusobacterium nucleatum. Quest’ultimo è stato osservato come l’agente patogeno con la più alta prevalenza (10%).

Sebbene F. nucleatum era anche presente nei campioni vaginali, i risultati hanno dimostrato che i ceppi presenti nel neonato molto probabilmente provenivano dalla cavità orale della madre.

 

Mol Oral Microbiol. 2011 Oct;26(5):277-90. pub 2011 Jun 13. Levels of periodontal pathogens in neonatal gastric aspirates and possible maternal sites of origin.

 

(Full text disponibile)