Otturazione in amalgama, un rischio reale?

Senza titolo

La revisione della letteratura in merito è contraddittoria, vi sono articoli che dicono che non vi sono prove concrete della sua tossicità ed altri che ne dimostrano il rischio per l’individuo.

L’amalgama dentale è un materiale costituito per circa il 50% da mercurio. I vapori di mercurio si sono rivelati essere tossici per il sistema nervoso centrale.

Nel 2008, il comitato scientifico su Emerging and Newly Identified Health Risks (SCENIHR)) in un rapporto per la Commissione europea ha scritto che “… non vi sono rischi di eventi avversi sistemici e l’uso attuale dell’amalgama dentale non rappresenta un rischio di malattia sistemica…”

Il problema è che SCENIHR ha ignorato la tossicologia del mercurio e non include gli studi scientifici più importanti in merito alla tossicità dell’amalgama e la loro revisione.

I dati scientifici reali mostrano che l’amalgama dentale è di gran lunga la principale fonte di mercurio sul totale del carico umano. Questo è dimostrato da studi autoptici che hanno riscontrato da 2 a 12 volte una maggiore quantità di mercurio nei tessuti del corpo degli individui con amalgama dentale.

Gli studi autoptici si sono rivelati come i più preziosi e più importanti studi nel determinare il carico corporeo di mercurio che l’amalgama ha causato.

Questi studi hanno indicato costantemente che molti individui con amalgama hanno livelli tossici di mercurio sia a livello cerebrale che renale , mostrando gli effetti negativi sul sistema nervoso centrale umano.

Nel 2009, una dichiarazione simile è stata fatta dall’American Dental Association

La United States Food and Drug Administration, nel 2008 ,, ha dichiarato che il mercurio presente nell’amalgama può aumentare il rischio neurale in bambini e donne incinte .

Alcuni esperimenti scientifici hanno mostrato che ripristini dentali eseguiti con amalgama continuano a rilasciare, nella cavità orale, vapori di mercurio assorbibile dai tessuti umani.

Sono segnalate associazioni significative fra la concentrazione di mercurio nelle urine o nel sangue e la quantità di amalgama presntea livello dentale. Inoltre, gli studi sul mercurio hanno fornito una forte associazione fra il metallo e la degenerazione del sistema nervoso . Hock e colleghi hanno segnalato un aumento di due volte nei livelli di mercurio fra i pazienti con malattia di Alzheimer .La prevalenza mondiale del morbo di Alzheimer era 22,6 milioni nel 2006 ma viene data in costante aumento

I vapori di mercurio, derivanti dalla rimozione delle amalgame pone un rischio per la salute, anche se non è ancora chiaramente stabilito il limite tra il livello sicuro e non sicuro all’ esposizione ai vapori derivanti dalla rimozione. Di conseguenza il dibattito attuale è determinare quale è il livello di esposizione considerato accettabile e quale rischioso.

In linea di base, gli individui con otturazioni in amalgama dentale hanno doppio il mercurio nell’ urina misurata rispetto ad un gruppo di controllo di persone che non hanno mai avuto otturazioni in amalgama.

La rimozione delle otturazioni in amalgama diminuisce il mercurio misurato nell’urina fino ai livelli delle persone senza otturazioni in amalgama.

Alzheimers Res Ther. 2015 Nov 12; Association between dental amalgam fillings and Alzheimer’s disease: a population-based cross-sectional study in Taiwan. Sun YH1, Nfor ON2, Huang JY3, Liaw YP4,5.

J Occup Med Toxicol. 2011 Jan 13;Is dental amalgam safe for humans? The opinion of the scientific committee of the European Commission. Mutter J1.

Environ Health. 2014 Nov 18; Longitudinal analysis of the association between removal of dental amalgam, urine mercury and 14 self-reported health symptoms. Zwicker JD1, Dutton DJ, Emery JC

Full text disponibile

senza-titolo5

Presidente Airo Prof. Luca Viganò