Home FOCUS ON La bocca è la finestra per la salute del nostro corpo

La bocca è la finestra per la salute del nostro corpo

420
0
CONDIVIDI

 

La bocca è la finestra per la salute del nostro corpo

foto

Medicina e Odontoiatria si interfacciano su molti livelli. La teoria che infezioni sistemiche e infezioni orali siano strettamente correlate era materia nota sin dagli inizi del 1900. Con l’avvento delle terapie antibiotiche questo rapporto è stato in gran parte dimenticato. Fino a poco tempo, quando la scoperta dei rapporti tra la malattia parodontale e disturbi cardiaci, la salute orale materna e prematurità della prole, interrelazioni bidirezionali tra il diabete e le malattie parodontali, rapporto di infezioni orali e malattie respiratorie croniche e rapporto tra scheletrico e orale densità minerale ossea, ha portato un cambiamento di prospettiva. La ricerca è ora focalizzata sul potenziale impatto delle malattie parodontali sulla salute sistemica. Pertanto, l’impatto delle infezioni per via orale per la salute sistemica ha definito un romanzo filiale in Parodontologia chiamato medicina parodontale.

Il legame tra la cavità orale e la salute generale è così correlato che si può affermare molto correttamente, che “La bocca è la finestra per la salute del vostro corpo”.

Il concetto di infezione focale ha sempre stato riconosciuto come potenzialmente causale la malattia parodontale nell’insorgenza dell’ endocardite batterica. Più di recente, intensa l’attenzione si è focalizzata sulla sepsi orale e la sua relazione causale con altre patologie , come le malattie cardiovascolari, il diabete, le malattie respiratorie, l’osteoporosi e gli esiti negativi in gravidanza. Pertanto, l’impatto di infezione orale sulla salute sistemica ha ulteriormente definito la nuova filiale di parodontologia definito come “medicina parodontale”.

 

I dati recenti che collegano malattie cardiovascolari e parodontite indicano che quest’ultima può provocare una risposta infiammatoria sistemica attivando una fase acuta epatica. Questo avviene presumibilmente a seguito della comparsa sistemica di batteriemia transitoria e ricorrente di origine orale che è stato a lungo riconosciuta caratteristica delle infezioni parodontali.

L’Infezione parodontale rappresenta una complicazione che può modificare in modo sostanziale la fisiologia sistemica nei pazienti diabetici.

Il dosaggio delle IL1, citochine mediatori dell’infiammazione,può risultare estremamente utile nel migliorare la qualità di vita del paziente diabetico.

Inoltre Una serie di recenti studi microbiologici ed epidemiologici hanno suggerito una relazione tra cattive condizioni di salute orale e le malattie respiratorie soprattutto nei soggetti ad alto rischio. Diversi meccanismi possono spiegare come i batteri orali possono partecipare patogenesi delle infezioni respiratorie.

L’aspirazione di patogeni orali (P. gingivalis, A actinomycetemcomitans), risulta un fattore promovente delle polmoniti in particolare in pazienti a ridotta capacità immunitaria. La malattia parodontale e gli enzimi presenti nella saliva possono modificare le superfici mucose promuovendo l’adesione e la colonizzazione di patogeni .

Ulteriori studi valutano gli effetti della malattia parodontale in gravidanza e come possa essere un campanello dall’allarme sull’osteopenia generalizzata.

La parodontologia sta entrando in una nuova era. La ricerca suggerisce che questa patologia , spesso valutata solo per i danni locali a livello orale, è ben lungi dall’essere solo un malattia orale.

La comprensione di questo co-relazione è un passo cruciale per i professionisti dentali e medici nel determinare l’approccio migliore per la cura del paziente. Pertanto, l’obiettivo di questo lavoro è di forgiare una coalizione tra i medici che trattano la patologia orale e quelli che trattano condizioni sistemiche, e, per fornire un forum per i nuovi dati emergenti e per identificare le indicazioni per le ricerche future.

Full text disponibile

J Med Life. 2013 Jun 15; Influence of periodontal disease on systemic disease: inversion of a paradigm: a review M Bansal, S Rastogi, NS Vineeth***