Home FOCUS ON Lichen Planus Orale: sentinella di patologie sistemiche profonde?

Lichen Planus Orale: sentinella di patologie sistemiche profonde?

4025
0
CONDIVIDI

La bocca è una specchio della   salute o malattia di un individuo , sostanzialmente funziona come una sentinella o un sistema di allerta precoce. La cavità orale potrebbe essere pensata come una finestra per il corpo perché le manifestazioni orali accompagnano molte malattie sistemiche. In molti casi, la lesioni orale precedono la comparsa di altri sintomi o lesioni sistemiche.

Il Lichen Planus Orale (OLP) è una malattia muco cutanea cronica dell’epitelio squamoso stratificato la cui eziologia resta incerta e colpisce le mucose orali e genitali, la pelle, le unghie e il cuoio capelluto.

Questa patologia coinvolge lo 0.5-2.0% della popolazione generale. Questa malattia è stata segnalata più spesso in pazienti con età tra i 30-60 anni ed è più comune nelle femmine rispetto ai maschi. La malattia sembra essere mediata da un meccanismo antigene-specifico.

Una corretta comprensione della patogenesi, la sua presentazione clinica, la diagnosi della malattia diventa importante per fornire il giusto trattamento.

 

Ad oggi sappiamo che spesso il Lichen Planus è un disordine muco cutaneo la cui manifestazione orale precede la comparsa di altri sintomi o lesioni sistemiche . Il coinvolgimento autoimmune è attentamente da valutare anche dal medico generale di riferimento con opportuni esami di riferimento.

La maggior parte della mucosa orale è derivata embriologicamente da un’invaginazione dell’ectoderma ed è questo il motivo perché presenta molto frequentemente patologie simili a quelle cutanee.

Il lichen planus orale (OLP) è infatti la controparte mucosa del LP cutaneo. IL termine è derivato dalla parola greca “leichen” che significa muschio dell’albero e dalla parola latina “planus” che significa piatto

La denominazione e la descrizione della patologia sono stati presentati per la prima volta dal medico inglese Erasmus Wilson nel 1866. Nel 1892, Kaposi ha segnalato la prima variante clinica della malattia, lichen ruber pemfigoide. nel 1895, Wickham ha osservato le linee bianche reticolari caratteristiche sulla superficie delle papule del LP, oggi riconosciute come strie di Wickham.

 

L’epidemiologia e l’esatta incidenza e prevalenza del LP è sconosciuta , ma si stima che negli Stati Uniti, l’incidenza del LP è circa l’1% di tutti i nuovi pazienti visti durante una visita odontoiatrica . Il subcontinente indiano ha un’incidenza particolarmente elevata della malattia che è stimata per colpire lo 0.5-2.0% della popolazione generale.

La prevalenza essendo varia da 0,5% nella popolazione giapponese, 1,9% nella popolazione svedese, 2,6% nella popolazione indiana .

Il rischio relativo è più basso (0,3%) in non utenti di tabacco e più alto (13,7%) tra coloro che fumano o masticano tabacco. Colpisce tutti i gruppi razziali. Tuttavia, secondo alcuni i soggetti bianchi hanno più probabilità di sviluppare questa malattia rispetto alle altre razze. Il Lichen orale si verifica più frequentemente rispetto alla forma cutanea e tende ad essere più persistente e più resistente al trattamento.

 

Eziologia : anche se l’eziologia esatta di questa malattia è ancora sconosciuta, alcuni fattori risultano strettamente associati, di seguito elenchiamo i più rappresentativi :

  • I fattori genetici attualmente sono poco rappresentativi allo stato attuale.
  • I materiali dentali comunemente usati nei trattamenti di restauro nella cavità orale sono stati identificati come elementi di attivazione, tra cui le amalgama d’argento, il cobalto, il palladio, cromo e metalli anche come la resina epossidica (composito) e lo sfregamento delle della protesi dentarie sulle mucose.
  • farmaci sistemici inclusi i fans, i beta bloccanti, i sulfamidici, alcuni gli inibitori enzimatici e alcuni antimalarici, allergeni da contatto tra cui aromi di dentifricio, specialmente i cinnamati
  • Il OLP è stato correlato all’aumento di batteri anaerobi gram-negativi. Recentemente, è stato trovato in letteratura che alcuni microrganismi parodonto patogeni sono associati alla patologia.
  • Il ruolo dell’infezione da candida è controverso , è stato trovato per essere associato con vari agenti virali quali il virus del papilloma umano (HPV), l’ Epstein Barr virus (EBV), l’herpesvirus umano 6 (HHV-6) e il virus dell’immunodeficienza umana (HIV). Evidenze epidemiologiche da vari studi in tutto il mondo suggeriscono fortemente che il virus dell’epatite C (HCV) può essere un fattore eziologico nell’OLP.
  • Lautoimmunità può occasionalmente essere associata , quali la cirrosi biliare primaria, l’epatite cronica attiva, la colite ulcerosa, Le malattie intestinali malattie sono occasionalmente descritte come concomitanti, queste includono il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e malattia celiaca
  • Le allergie alimentari e alcuni degli additivi alimentari come aldeidi e cannella sono stati trovati per essere associati con OLP.
  • Lo stress viene ritenuto uno dei fattori responsabili dello sviluppo dell’OLP . Alcuni studi rivelano il ruolo dello stress psicologico nell’eziologia dell’OLP.
  • Il fumo come il traumatismo non è stato citato come un fattore eziologico diretto del LP, anche se possono essere i meccanismi mediante il quale altri fattori eziologici esercitano i loro effetti, inoltre risultano amplificatori del rischio.
  • diabete mellito e la pressione alta sono associati con OLP.
  • occasionalmente associato con altre condizioni, tra cui la psoriasi, urolitiasi, agenti usati per trattare i calcoli biliari, sindrome di Turner, ecc

Queste sono le sue varianti :

Reticolare, Erosivo, Atrofico, BOLLOSO, a Placca e Papulare

 

Trattamento: Gli obiettivi principali della terapia corrente dell’OLP sono la risoluzione dei sintomi dolorosi, le lesioni delle mucose orali, la riduzione del rischio di cancro orale e il mantenimento di una buona igiene orale. Fino a questo momento diverse terapie sono descritte tra cui il laser, la chirurgia, il trattamento con raggi ultravioletti A (PUVA) e terapia farmacologica. L’uso della terapia farmacologica è il metodo più comune per il trattamento dell’OLP. Diversi farmaci sono stati utilizzati sotto forma di applicazione topica e sistemica per il suo trattamento .

Corticosteroidi, immunosoppressori, retinoidi e gli immunomodulatori sono i farmaci utilizzati in forma topica. Talidomide, metronidazolo, griseofulvina e idrossiclorochina, alcuni retinoidi ed i corticosteroidi sono farmaci che vengono utilizzati anche per via sistemica.

L’asportazione chirurgica, la crioterapia, il laser CO2 sono stati utilizzati nel trattamento. In generale, la chirurgia è riservata per rimuovere aree displastiche ad alto rischio. Un nuovo metodo clinico utilizza l’ultravioletto A (UVA) con lunghezze d’onda che vanno da 320 a 400 nm, dopo iniezione di psoralene . Rilassamento, meditazione e ipnosi hanno impatto positivo su molte malattie cutanee e aiuta a calmare e riequilibrare la risposta infiammatoria che può migliorare i disordini infiammatori della pelle.

La terapia topica steriodea più utilizzata è a base di fluocinonide o clobetasolo in gel oppure desmetasone in gel. Può anche esser prescritta una terapia topica non steriodea con tacrolimus sia in pomata che

collutorio. Sul foglietto illustrativo del tacrolimus c’è scritto che durante i test animali si è dimostrato un

aumento del rischio di cancerizzazioni, si ritiene che questo rischio sia minimo a confronto dei benefici che può avere. In genere l’applicazione va ripetuta 3-4 volte die per 2-3 settimane

FULL TEXT DISPONIBILE