Home FOCUS ON Lesioni orali dei neonati e della prima infanzia.

Lesioni orali dei neonati e della prima infanzia.

759
0
CONDIVIDI

Lesioni orali dei neonati e della prima infanzia

Le lesioni del cavo orale nei neonati rappresentano una vasta gamma di malattie, creando spesso apprensione e ansia tra i genitori. Pochi sono gli articoli e le ricerche in questo ambito.

Questo articolo si pone l’obiettivo di porre il focus su situazioni che spesso possono creare dubbi anche tra i professionisti del settore, fornendo una rapida guida di consultazione e confronto delle ipotesi diagnostiche.
L’esame precoce e la diagnosi tempestiva può aiutare nella gestione prudente del caso e servire come base di riferimento contro il decorso della malattia . La presente rassegna si propone di arruolare e descrivere le possibilità di diagnostica per lesioni orali più comunemente riscontrate nei neonati e nella prima infanzia.
Le malattie del cavo orale comprendono un importante area della specialità pediatriche, ma molte sono mal diagnosticate o non trattate a causa della mancanza di risorse ospedaliere e dalla educazione dei genitori all’importanza della visita orale. Anche se alcune lesioni sono limitate solitamente alla cavità orale, le stesse potrebbero fornire al clinico alcuni indizi per l’insorgenza di patologie sistemiche ben più gravi.
Un ampio spettro di malattie si manifestano clinicamente a livello orale nei neonati (grafico e tabella con relative connessioni a disposizione degli iscritti).
La maggioranza delle lesioni, per nostra fortuna, sono asintomatiche e benigne, inoltre si possono comunemente risolvere senza alcun intervento ma con un semplice iter diagnostico.

Le lesioni orali dei neonati vengono classificate in base alla loro eziopatogenesi in: cisti, secondarie ad infezioni da patogeni locali, da genesi autoimmune, di origine traumatica e tumorali. Di seguito poniamo un breve elenco delle condizioni più rappresentative neonatali o dell’età pediatrica con manifestazioni nel cavo orale.

Cisti Gengivali: le cisti gengivali sono spesso osservate nei neonati (13,8% delle patologie orali neonatali). L’ipotesi più accreditata della loro genesi risiede nella lamina dentale.
Esse appaiono come piccole lesioni, multiple, dall’aspetto nodulare sulle creste del mascellare e mandibolare. L’esame istopatologico rivela che sono composte da cheratina. Il trattamento non è indicato in quanto tendono all’auto risoluzione.

Perle di Epstein: le Perle di Epstein, descritte per la prima volta da Alois Epstein, si presentano come piccoli noduli biancastri, hanno una prevalenza del 35,2 % sulle lesioni pediatriche del cavo orale. Le dimensioni variano da 1 a 3 mm e si evidenziano a livello gengivale, sulla cresta del solco alveolare.
Quando si riscontrano lungo la linea mediana del palato prendono il nome di Noduli di Bohn.
Sia le Perle di Epstein che i Noduli di Bohn sono cisti di cheratina , alcuni autori le differenziano come nomenclatura, altri le fanno rientrare nello stesso gruppo. I noduli di Bohn Sono apparentemente derivate delle strutture delle ghiandole salivari del palato. Appaiono clinicamente come numerosi piccoli noduli.
Il trattamento non è indicato e si mantengono solo sotto osservazione.

Cisti Eruttiva: La loro origine può essere indotta dalla degenerazione dell’epitelio dello smalto o da residui della lamina dentale . Clinicamente si evidenzia colorazione bluastra , cupoliforme , traslucida , si evidenzia tumefazione sulla mucosa sovrastante il dente in eruzione . La diagnosi è aiutato da biopsia con ago sottile di aspirazione ( FNAB ). Il trattamento include la marsupializzazione o la rimozione chirurgica.

Osteomielite neonatale dei mascellari: è un’infezione relativamente rara con alto tasso di mortalità. L’incidenza è stimata da 1 a 7 su 1.000 ricoveri ospedalieri con una predilezione per (1,6 : 1) e neonati pretermine . Fattori di rischio comuni cateterizzazione, ospedalizzazione prolungata, stato di nutrizione parenterale, supporto ventilatorio,
e infezioni nosocomiali. I microrganismi causalicomprendono lo Staphylococcus aureus ( più comune), Streptococcus gruppo B ( Streptococcus agalactiae ), e i patogeni Gram-negativi ( Escherichia coli e Klebsiella polmonite).

Candidosi neonatale: la candidosi disseminata o invasiva è la seconda più comune causa della mortalità neonatale con una incidenza dal 2 al 20% nei neonati pretermine. La trasmissione di Candida può essere verticale o dovuta a contaminazioni esterne. Le specie di Candida opportunistiche più comuni includono la Candida albicans ( 75 % ), seguiti dalla Candida glabrata, dalla Candida krusei, dalla Candida tropicalis e della Candida parapsilosis. I fattori di rischio comprendono il sistema immunitario immaturo, cateterizzazione prolungata, degenza prolungata, etc.
Le manifestazioni orali includono placche biancastre della mucosa orale , composti di ife, cellule epiteliali, e tessuti necrotici. Le caratteristiche sistemiche importanti includono la meningite, endoftalmiti, manifestazioni cardiovascolari e infezioni del tratto urinario . La diagnosi è confermata tramite esami del sangue e delle urine.
La colonizzazione della mucosa orale da Candida svolge un ruolo determinante nello sviluppo della candidiasi invasiva; quindi, come misura profilattica il mantenimento dell’igiene orale si ritiene essere una importante misura preventiva.

Mucocele: si pone comunemente come causa da alterazioni delle ghiandole salivari minori , che si verificano in circa il 2,7% dei pazienti di età inferiore ai 14 anni . Può essere di due tipi: da stravaso o da ritenzione. Il labbro inferiore risulta la sede più frequentemente colpita. La variante da stravaso colpisce la fascia di età più giovane ed è indotta da un trauma. Clinicamente, si presenta come una lesione bluastra (a secondo se in prossimità della superficie ), traslucida e fluttuante Il trattamento convenzionale comprende l’asportazione chirurgica.

Emangioma: gli emangiomi sono la più comuni tra le neoplasie pediatriche vascolari benigne con una variante dal 22 al 30% di prevalenza nei neonati e nei neonati prematuri sottopeso, con predilezione del sesso femminile. Colpisce prevalentemente testa e del collo (60 % ), tronco ( 25 % ) e le estremità ( 15 % ) sede comune sono le labbra, la mucosa della bocca, la lingua e raramente il palato. Vari i fattori predisponenti includono fertile l’età Vari fattori predisponenti includono l’ipertensione gestazionale, e la nascita sottopeso . La sindrome di Kasabach – Merritt è stato associata con una vasta casistica di emangiomi dell’infanzia. Sono solitamente presenti alla nascita , ma tendono a svilupparsi alcune settimane dopo. Il corso naturale dell’ emangioma segue una rapida proliferazione ( 0-1 anno ), una fase involutiva ( 1-5 anni ),e una fase involuta ( 5-10 anni ).

Molte sono le alterazioni patologiche dell’infanzia che spaziano da cause traumatiche, infettive, del sistema immunitario in alcuni casi si concretizzano in lesioni cistiche o tumorali. L’elenco completo è lungo e vale sicuramente la pena analizzarlo.

In particolare vanno attentamente analizzati e tenuti sotto controllo gli effetti delle nascite pretermine. La causa più comune delle morti neonatali è spesso associata con la nascita pretermine e le complicanze correlate. Gli effetti della nascita prematura sui tessuti orali includono principalmente le alterazione delle corone da intubazione endotracheale, le distorsioni delle arcate dentali, le alterazioni dello smalto, l’ipoplasia dello smalto, palato profondo e ogivale, ritardo nella eruzione della dentizione primaria, alterazioni della crescita della dentizione permanente.
Concludendo possiamo asserire che i neonati e i bambini nelle loro prime fasi di crescita devono essere attentamente monitorati e contemporaneamente i genitori devono essere istruiti e rassicurati. Una valutazione approfondita del cavo orale e come sempre la conoscenza delle patologie può aiutare nella diagnosi e rendere riconoscibili anche anomalie rare che interessano i tessuti orali dei neonati.
Vi invitiamo a chiedere l’elenco completo del full text ad A.I.R.O. sarà un piacere fornire il nostro supporto al benessere e alla conoscenza comune.

FULL TEXT DISPONIBILE.