Home FOCUS ON USO DI SOSTANZE NATURALI NEL TRATTAMENTO DELLA XEROSTOMIA: UNA VALIDA ALTERNATIVA ?

USO DI SOSTANZE NATURALI NEL TRATTAMENTO DELLA XEROSTOMIA: UNA VALIDA ALTERNATIVA ?

602
0
CONDIVIDI

 

senza-titolo1

La xerostomia, ovvero la sensazione di secchezza delle fauci, è un comune sintomo indotto principalmente dall’uso di farmaci, 80% (tra cui antidepressivi, antiipertensivi, diuretici, broncodilatatori, inibitori della pompa protonica, antipsicotici, antistaminici, antineoplastici e altri) nel restante 20% è correlata a ridotta funzionalità delle ghiandole parotidee e sottomandibolari o da cause idiopatiche e induce una secrezione salivare ridotta.

È stata studiata una vasta gamma di terapie per il trattamento di xerostomia, come ad esempio i farmaci saliva-stimolanti; questi sono efficaci per ridurre la xerostomia ma possono essere controindicati nei pazienti con patologie delle vie respiratorie, cardiovascolari o renali.

Un interessante studio ha dimostrato come l’olio extravergine d’oliva arricchito di licopene possa migliorare lo stato antiossidante nell’uomo.

L’obiettivo era duplice:

– valutare le potenzialità cliniche dell’olio extra vergine d’oliva arricchito di licopene in forma di spray, utilizzato nel trattamento di pazienti affetti da xerostomia indotta da farmaci

– determinare se potesse offrire una valida terapia alternativa alle sostanze normalmente in uso.

Il licopene è un potente antiossidante presente soprattutto nei pomodori, e alcuni lavori ne riportano il suo beneficio anche nei trattamenti parodontali , in questo caso viene utilizzato sotto forma di gel.

Lo stress ossidativo è stato osservato come importante fattore patologico tra le specie batteriche reattive all’ossigeno che inducono distruzione dei tessuti in pazienti affetti da parodontite cronica, inoltre influenza il controllo glicemico in particolare nei pazienti diabetici.

Questi studi dimostrano come l’utilizzo degli antiossidanti, migliori la salute orale del paziente , l’utilizzo del licopene può migliorare, oltre la sensazione di secchezza delle fauci, anche situazioni difficili da gestire come la BMS (sindrome della bocca che brucia); si pensa inoltre, che questo antiossidante possa migliorare anche la secrezione salivare inducendo un ulteriore vantaggio.

In questo protocollo è stata valutata l’efficacia clinica del prodotto applicato come spray tre volte al giorno (1,5 ml) per un periodo di tre mesi

Materiali e metodi:

– I partecipanti:

Lo studio ha preso in considerazione 60 pazienti con diagnosi di xerostomia .

Tutti i soggetti hanno un’età superiore ai 18 anni, xerostomia da più di 3 mesi e ricevono un medicinale che presenta una potenziale causa di iposalivazione I farmaci assunti da questi pazienti comprendevano: antipertensivi, vasodilatatori, calcio-antagonisti, enzima di conversione dell’angiotensina, diuretici, antistaminici, antidepressivi, antipsicotici e broncodilatatori.

I 60 pazienti oggetti dello studio erano così suddivisi: 7 uomini (11,6%) e 53 donne (88,3%). Vengono divisi in due gruppi: A (trattato con licopene arricchita con olio vergine di oliva 300 ppm) e B (placebo).

– Prodotti di studio:

Lo studio ha utilizzato l’olio extra vergine di oliva con il licopene 300 ppm in un contenitore spray da 250 ml. Ogni paziente riceve un kit contenenti prodotti, istruzioni per l’uso e punti promemoria per il trattamento. Il prodotto è applicato in bocca sotto forma di spray (1,5 ml) per poi essere inghiottito. I partecipanti utilizzano il farmaco tre volte al giorno e viene loro vietato l’utilizzo di altri gel o collutori per la durata dello studio.

– Campionamento salivare:

Il campionamento della saliva è effettuata due volte al giorno alle 9:00 e alle 12.00. I pazienti non devono mangiare, bere, fumare, masticare o eseguire l’igiene orale 60 minuti prima della raccolta della saliva.

– Questionario:

Per valutare i sintomi xerostomia-correlati si sceglie una scala analogica visiva (VAS) sotto forma di questionario, composto da 14 articoli che esplorano diversi aspetti della funzione orale. Viene, inoltre, proposto ai pazienti di rispondere alla “Oral Health Impact Profile (OHIP-14)” per rilevare i cambiamenti nella loro qualità della vita

Confrontando con lo scialometro ( che misura la quantità di saliva secreta ), i risultati dei test dal giorno 0 al termine delle 12 settimane di trattamento, si nota un aumento complessivo della saliva stimolata con il licopene rispetto al gruppo placebo.

Discussione:

Obiettivo del trattamento della xerostomia è alleviare i sintomi derivanti dalla secchezza orale e stimolare la secrezione salivare con effetti secondari minimi. In questo studio nei pazienti con xerostomia indotta da farmaci le applicazioni topiche di olio extravergine di oliva arricchito con licopene sono risultate essere efficaci nel miglioramento di una serie di sintomi quali xerostomia, flusso salivare e qualità della vita.

Molti pazienti affetti da xerostomia prediligono l’utilizzo di agenti topici per alleviare i loro sintomi, grazie anche alla loro facile reperibilità (senza che sia necessaria la prescrizione di un medico).

Recentemente, il coenzima Q10 (CoQ10,), associato al licopene, ha dimostrato che può aumentare la secrezione salivare e test clinici hanno suggerito come il licopene abbia effetti benefici nel trattamento delle neoplasie derivanti dal lichen planus orale, nelle fibrosi della sottomucosa, nelle leucoplachie e nelle parodontiti (riducendo sia la gengivite che la placca batterica), così come i sintomi derivanti dalla secchezza orale nella BMS .

I risultati dello studio suggeriscono che applicazioni topiche di olio extra vergine d’oliva arricchita di licopene in forma di spray permettono un rapido contatto con le strutture orali, sono sicure e ben tollerate.

Il presente studio presenta però alcune limitazioni: sono necessarie ulteriori ricerche per studiare la durata degli effetti e dei benefici degli antiossidanti per la salute orale.

 Conclusioni:

Sulla base del protocollo impiegato nel presente studio, la somministrazione di oliva vergine e licopene in spray orale migliora la qualità della vita, riduce i sintomi e potrebbe essere una nuova strategia terapeutica per il trattamento della xerostomia.

 

FULL TEXT DISPONIBILE

Revisione letteratura : Colussi Federica